Calvados, Armagnac, Cognac le differenze 2)

Viste le caratteristiche del Calvados nel precedente post, qualche informazione su un distillato che mi piace tantissimo, l’Armagnac.

L’Armagnac è un distillato di vino originario e prodotto in Francia nella Regione della Guascogna (che si trova al centro dell’Aquitania), e più in particolare nei cantoni del “Gers”, ai piedi dei Pirenei, e in alcune zone vicine dei dipartimenti del “Lot et Garonne” e delle “Landes”; la regione è divisa in tre zone:

Haut Armagnac, chiamata localmente zona “dell’Armagnac Bianco” per i suoli calcarei che riflettono la luce. Da qui provengono le acqueviti leggere e dal sapore floreale.

Armagnac – Ténarèze, in questa zona ci sono grandi allevamenti di animali da cortile e per le sue belle “creste” ondulate è chiamata la Toscana della Francia. Il suolo è argillo-calcareo e le acqueviti sono ricche e corpose ed evolvono più lentamente rispetto a quelle del Bas Armagnac (e la qualità non è da meno).

Bas Armagnac la zona “dell’Armagnac Nero“, così chiamato perchè le sue colline sono ricoperte da foreste di querce. Da questa zona provengono le acqueviti più fini e complesse.

Nel 2005 è nata una nuova “appellation” la “Blanche Armagnac” (che ha conquistato la Aoc solo nel 2015), ben diversa dalle precedenti e molto più “leggera” in quanto per disciplinare non può fare passaggi in legno, quindi una “semplice” acquavite.

Ugni Blanc

I vitigni più importanti per la produzione dell’Armagnac sono: l’Ugni Blanc (o Saint -Emilion in zona), il Baco 22 A (vitigno ibrido ottenuto dall’incrocio del Folle Blanche con il Noah di provenienza americana), il Folle Blanche (localmente denominato Piquepoult) e il Colombard (utilizzato anche nella produzione del Cognac) ma sono ammessi altri vitigni, anche se meno utilizzati, come ad esempio la Blanquette Grise e la Clairette de Guascogne.

Le uve vendemmiate (nel mese di ottobre) vengono pressate immediatamente, segue poi un periodo di fermentazione totalmente naturale. Le differenti uve possono essere vinificate insieme o separatamente. I lieviti in sospensione sono preservati al massimo durante la vinificazione perchè sono quelli che conferiranno all’acquavite la sua “rotondità” dopo la distillazione.

Si procede così alla distillazione in alambicco; il più utilizzato l’Armagnaçais è a distillazione continua e il Cognaçais (di cui ne esistono solo 24 esemplari), è a doppia distillazione. La scelta dell’alambicco viene fatta dai Domaine a seconda del terroir . Per i vini provenienti da suoli calcarei , si usa un alambicco a doppia distillazione. La distillazione continua, è utilizzata per le acqueviti a lungo invecchiamento alle quali questo tipo di distillazione apporta una grande ricchezza aromatica.

Dopo la distillazione l’Armagnac che ha un colore trasparente, viene messo in botti di rovere da 400 litri per l’invecchiamento dove viene costantemente controllato dal “maître de chai”  fino al suo invecchiamento ottimale, momento in cui verrà trasferito in botti più vecchie per continuare nella lenta evoluzione.

La distillazione dell’Armagnac deve obbligatoriamente avere luogo prima del 31 marzo in un alambicco armagnaçais.

Gli Armagnac millesimati sono prodotti dall’assemblaggio di differenti acqueviti prodotte nella stessa annata. Gli XO (Extra Old) sono acqueviti che hanno almeno 10 anni di invecchiamento in botti di legno. Il VS e il *** devono fare da 1 a 3 anni di invecchiamento; il VSOP (Very Superior Old Pale) da 4 a 9 anni, il Napoleon da 6 a 9 anni mentre gli Hors d’âge e i Vintages da 10 a + anni.

Una curiosità: se siete già andati o se andrete in questa Regione in vacanza (Covid permettendo), sentirete spesso parlare del “Floc di Gascogne”, è un aperitivo dolce, fresco e piacevole a base di due terzi di mosto d’uva e un terzo di Armagnac giovane. IL Floc è un AOC, nella versione in bianco è prodotto con uve ugni blanc, sauvignon, sémillon, colombard, petit manseng e gros manseng e nella versione rosè con merlot, tannât e cabernet franc. Io l’ho trovato interessante con melone e prosciutto crudo, ma con gelato o pasticceria in generale è ottimo.

In questa zona potrete assaggiare anche “Le Musquet” aperitivo guascone per eccellenza, è elaborato secondo una ricetta “ancestrale” ed è composto da liquore d’Armagnac all’arancio miscelato ad un vino frizzante blanc de blanc proveniente da uve della zona.

Spero che l’articolo Vi sia piaciuto! E a presto con il Cognac…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: