Il bollito misto

Il carrello del bollito è un valore aggiunto, un pezzo importante della tradizione culinaria piemontese e nei ristoranti viene presentato e servito seguendo un particolare rituale davanti ai “banchettanti”.

La tradizione vuole che siano distribuiti 14 pezzi ben caldi e fumanti per ciascun commensale, ovviamente in due o più riprese.

La versione tradizionale prevede 7 tagli di carne più 7 “ammennicoli” o frattaglie di carne mentre la versione più “moderna” ne presenta “solo” 5.

I tagli del bollito misto
Piatto bollito misto Ristorante Motta- (MI)

I tagli sono:

  • la scaramella (bianco costato di Reale)
  • la punta di petto
  • il cappello da Prete (parte superiore della scapola con muscoli)
  • la culatta (parte superiore della groppa)
  • il fiocco di punta
  • la noce (muscolo della coscia)
  • il tenerone (muscolo della spalla)

I pezzi di carne che devono essere cotti separatamente, vanno legati e steccati con chiodi di garofano e messi in pentola con un brodo vegetale poco salato, (cipolle, carote, sedano, 1 ramo di rosmarino e 1 spicchio di aglio che poi si toglierà).

Il bollito si accompagna con le salsine tipiche:

  • il bagnetto verde: acciuga, pane ammorbidito con aceto di vino rosso, rosso d’uovo, aglio, prezzemolo, capperi (con un pizzico di peperoncino), tonno, olio sale e pepe q.b.
  • la salsa rossa: pomodori, mezzo peperone rosso e mezzo giallo, cipolla, sedano, 1 cucchiaino di zucchero, chiodi di garofano, un cucchiaino di cannella, aceto bianco e olio Evo q.b.
  • la salsa alle noci : miele, noci, grani di senape e aceto bianco
  • mostarda d’uva: sugo di pere martin sec, noci, cannella e garofano
  • la salsa delle api: miele, noci, brodo e senape in polvere
  • la salsa alla senape: brodo di carne, polvere di senape, miele , aceto di vino bianco e sale q.b.
  • la cugnà: uva dolcetto, pere martine, mele cotogne, nocciole tostate, noci tostate, zucchero.
  • confettura alla pera madernassa: pere madernassa, zucchero, vaniglia, vino passito e succo di limone.

Queste sono quelle più utilizzate e, a parte le ultime due che richiedono un pò più tempo per la preparazione, in generale sono veloci da realizzare.

Uno dei vini che consiglio di abbinare è la ottima Barbera frizzante del Monferrato Goj di Mariuccia Borio Cascina Castlet , vivace e profumata è perfetta con il bollito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...