Erbe Aromatiche e Spezie 3)

Nell’armonia di condimenti e odori che donano alle ricette un fascino inconfondibile non possono mancare le spezie.

In questa breve “guida”, che spero Vi possa essere utile, cito le più importanti o meglio, quelle che io uso più spesso nelle mie preparazioni.

Anice stellato: è una tipologia di pianta sempreverde dalla caratteristica forma a stella, originaria dell’Asia orientale.

Da questa pianta si ricava un olio essenziale dal profumo particolarmente intenso, usato sia nella preparazione di prodotti alimentari (marmellate e composte), che di liquori come il Pastis, la Sambuca o il greco Ouzo. o ancora il Raki turco o siriano. Per il suo sapore dolce si può utilizzare anche per insaporire salse e contorni.

Anice Stellato

Cannella: si trova sia intera che in polvere. Viene usata principalmente per i dolci, nel caffè e anche nei frullati, ma è ingrediente fondamentale nelle sofisticate marinature della cacciagione.

E poi a Genova è essenziale sulla panna delle cremerie del centro storico.

Cannella

Cardamomo: i suoi semi hanno un tipico sapore di limone e ricordano l’eucalipto. Il gusto è fresco e pungente e viene usato nella cucina asiatica e in quella indiana. I bacelli verdi o avorio vengono usati interi nei piatti di carne ma non vanno mangiati. E’ un componente del curry ed è ottimo per esaltare il gusto dei risotti. Viene anche usato per preparare il “vin Brulè”.

Cardamomo

Chiodi di garofano: hanno un sapore dolce e fiorito con un retrogusto piccante. Io li uso nella preparazione delle trippe e della carne .

Anche questi sono un ingrediente del “vin Brulè”.

Chiodi di garofano

Coriandolo : questi piccoli semi chiari si usano interi o in polvere. Hanno un aroma dolce e servono per insaporire e guarnire carni e pesci. E’ contenuto nel curry ed è usato per aromatizzare le birre.

Abbinato con timo e pepe dà un tocco esotico ai piatti , in modo particolare al riso.

Coriandolo

Cumino: si trova in semi tostati, interi o macinati. I semi al naturale rendono particolare il soffritto con il loro profumo di muschio. Ha un sapore caldo e pungente e viene usato nelle preparazioni a base di verdure e di carne ma anche nella preparazione del pane.

Cumino

Curcuma: ha un sapore amarognolo e piccantino e si usa in polvere, anche se il rizoma ha un sapore più intenso.

Viene utilizzata per dare colore alle preparazioni , che siano primi, secondi o dolci. .

Nella cucina Indiana viene usata nella preparazione del “masala”.

Curcuma

Noce Moscata : dal gusto raffinato e leggermente piccante viene usata nelle salse, nella besciamella e nelle zuppe di verdure, io la uso nel polpettone.

Ha un elevato contenuto calorico per cui va usata con parsimonia, (non più di 2 gr per evitare effetti collaterali).

In India la noce moscata viene utilizzata nel mix “gran masala” per insaporire carni e bevande.

Noce moscata

Paprica: è una polvere piccante che si ricava dal peperone, ha poche calorie ma è ricca di sostanze nutritive e di carotenoidi e ha un sapore ricco e pungente.

Si usa per il gulash Ungherese (ce ne vuole tanta!), e per le pietanze di carne, dà un gusto particolare all’hummus e ai sughi, (io la uso con l’hummus di ceci).

Si può trovare in tre tipologie: forte, dolce e affumicata.

Paprica

Pepe nero: il re delle spezie. In commercio lo si trova macinato o in grani, viene utilizzato nelle preparazioni di carne e pesce.

Lo si trova nelle varietà:

bianco, che è in realtà pepe nero solo che l’involucro esterno viene rimosso dai grani una volta che sono stati imbevuti di acqua, ha un sapore più intenso di quello nero;

rosa, in realtà non è pepe ma sono piccole bacche essicate, il gusto è delicato è quindi consigliato per preparazioni a base di pesce;

verde, è il pepe acerbo raccolto con il suo involucro. Ha un sapore delicato , leggermente aromatico e fresco, il filetto al pepe verde è uno dei piatti più conosciuti.

Nella cucina Indiana il pepe nero si trova negli ingredienti del  “garam masala”.

 

Albero del pepe

Vaniglia: in commercio ne esistono vari tipi: la più pregiata è la  Bourbon del Madagascar, ricca di oli essenziali, la più comune è la Tahiti , grande e polposa.

Si usa principalmente per i dolci: creme, gelati e biscotti, ma anche per aromatizzare liquori e sciroppi.

Dà un tocco particolare al pesce, io l’ho usata per le capesante gratinate al forno e mi è piaciuto tantissimo il gusto delicato che ha conferito al piatto.

Zafferano: gli stimmi secchi del fiore del “crocus sativus” sono ingredienti importanti di piatti salati e dolci per il particolare aroma e il colore arancio vivo che conferiscono ad ogni preparazione.

Ingrediente fondamentale del risotto alla milanese, io lo uso per la pasta gamberetti e zucchine una vera ghiottoneria!

Zafferano

Buon appetito e alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: